Tutte le mie xxx

giovedì 10 ottobre 2013

La porta del paradiso

Tempo fa su facebook ho letto la recensione positivissima di questo libro, ammetto che anch'io non conoscevo lo scrittore e che forse se ho visto in qualche libreria questo titolo l'ho snobbato.
Chissà perchè ci pare che un cognome straniero faccia già metà di un successo letterario, in questo caso però, devo propio ammettere che Alfredo Colitto non solo conosce molto bene l'italiano (cosa ormai rara anche negli scrittori), ma ci racconta una storia che nulla ha da invidiare a "I pilastri della terra" di Follet e "La cattedrale del mare" di Falcones.


Mentre in Europa infuria la guerra dei Trent'anni, a Napoli il giovane nobile Leone Baiamonte scopre che la sua famiglia è stata rovinata da un perfido usuraio. Si assume il compito di risollevarne le sorti, ma macchiatosi di una grave colpa è costretto a lasciare la futura sposa Lisa e imbarcarsi su un galeone spagnolo diretto in Messico. Qui uno zio missionario ha scoperto una preziosa miniera d'argento e, pur inesperto, Leone ha accettato il suo invito a farsene carico, confidando così di poter dare sostegno alla sua famiglia e serbando in cuore la segreta speranza di riabbracciare Lisa. Ma nel Nuovo Mondo l'odio della bella e potente Socorro, l'amore per un'indigena dagli occhi profondi e gli intrighi della Chiesa interferiranno con i suoi progetti, rendendo l'impresa molto ardua.

Una prosa scorrevole, una storia che avvince e dei personaggi che entrano subito nel cuore, sono ingredienti per un romanzo perfetto che vi consiglio.
Finalmente un bel romanzo ed una bella scoperta.

Forte di questa esperienza ho chiesto altri titoli alla persona che lo aveva consigliato, ho preso nota e li ho inseriti  nella prossima turnata di libri da richiedere alla biblioteca; evviva finalmente qualche soddisfazione letteraria!

1 commento:

  1. Che bello quando si scopre un libro che emoziona!!

    RispondiElimina