Tutte le mie xxx

giovedì 3 ottobre 2013

Il segreto della libreria sempre aperta

Siccome "non c'è due senza tre" per concludere questo mese di settembre da dimenticare mio papà ha deciso di cadere dal pergolato, per fortuna ha riportato solo una ferita alla gamba; nulla di più e gli è andata bene visto che il pergolato in questione è alto 4 metri.
Ora la dinamica è stata questa: è salito per potare il glicine, ha appoggiato un ripiano di legno, quello del trabattello tra un graticcio di ferro e l'altro, uno di questi ferri si è rotto e lui è caduto, fortunatamente ha una prontezza di riflessi invidiabile ed è riuscito ad aggrapparsi con le mani ad un altro ferro, mio fratello gli ha sistemato la scala ed è riuscito a scendere senza ulteriori problemi; certo lo spavento è stato tanto e la ferita è comunque bella grossa, ma non necessita di punti di sutura, quindi nel complesso gli è andata bene.
E siccome "chi ben comincia è a  metà dell'opera" il mese di ottobre è cominciato con un piccolo incidente in macchina da parte di mio marito, anche questa volta è andata bene sia a lui che alla macchina, praticamente uscendo dal parcheggio avendo la visuale coperta ha uratao una macchina che anch'essa stava uscendo, le due macchine si sono solo appoggiate l'una all'altra.
Spero solo che questo periodo finisca presto perchè non se ne può più.
Solo il giardino sembra passare un momento di grazia, finalmente dopo il secco e la calura della scorsa estate sta rivivendo una seconda primavera, la dalia che non era riuscita a fiorire durante i mesi di luglio e agosto ha emesso i primi boccioli che si stanno aprendo, il prato non ha più l'aspetto gialliccio e desolante di prima, ma il verde brillante è ovunque, i crocchi autunnali cominciano a fiorire e se il tempo resiste spero di avere tra crocchi e nerine fiori fino alla metà di novembre.


In tutto ciò il mio blog ha subito una brusca frenata, sono secoli che non recensisco un libro e dopo averci pensato molto ho deciso che questo dovevo assolutamente sconsigliarlo, si ho scritto bene sconsigliarlo ed invitarvi ad usare tempo e danaro in modo diverso.
E' propio vero la pubblicità è l'anima del commercio e anche questo volume è stato ben presentato, ne hanno fatto un booktrailer e persino un sito con giochi ed approfondimenti vari, ma propio non lo si può leggere.


La crisi ha centrifugato Clay Jannon fuori dalla sua vita di rampante web designer di San Francisco, e la sua innata curiosità, la sua abilità ad arrampicarsi come una scimmia su per le scale, nonché una fortuita coincidenza l'hanno fatto atterrare sulla soglia di una strana libreria, dove viene immediatamente assunto per il turno... di notte. Ma dopo pochi giorni di lavoro, Clay si rende conto che la libreria è assai più bizzarra di quanto non gli fosse sembrato all'inizio. I clienti sono pochi, ma tornano in continuazione e soprattutto non comprano mai nulla: si limitano a consultare e prendere in prestito antichi volumi collocati su scaffali quasi irraggiungibili. È evidente che il negozio è solo una copertura per qualche attività misteriosa... Clay si butta a capofitto nell'analisi degli strani comportamenti degli avventori e coinvolge in questa ricerca tutti i suoi amici più o meno nerd, più o meno di successo, fra cui una bellissima ragazza, geniaccio di Google... E quando alla fine si decide a confidarsi con il proprietario della libreria, il signor Penumbra, scoprirà che il mistero va ben oltre i confini angusti del negozio in cui lavora... Fra codici misteriosi, società segrete, pergamene antiche e motori di ricerca, Robin Sloan ha cesellato un romanzo d'amore e d'avventura sui libri che lancia una sfida alla nostra curiosità, al nostro desiderio di un'esperienza nuova ed elettrizzante. Un viaggio in quell'universo magico che è una libreria. 

Noioso, noioso, noioso da morire, l'ho già detto che è noioso?
Una storia banale, un segreto che non esiste, personaggi privi di spessore e di verve, semplici comparse di un romanzo inconsistente; sarò forse eccessivamente severa (a me non pare), ma mi sono propio stancata di questi romanzi inutili.

3 commenti:

  1. Ciao Cispiolina mi mancavano le tue recensioni, mi sa che non comprerò questo libro! Mi dispiace per tuo padre e tuo marito per fortuna è tutto a posto! Un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina
  2. mi dispiace moltissimo per tuo papà, per fortuna, da qll altezza!
    spero che qst periodo no passi in fretta, anzi spero proprio che sia finito!!!
    grazie per il (s)consiglio di lettura ;)
    baci

    RispondiElimina
  3. Miiii Fla! E che è?! ...Urge benedizione, recati in un vicino santuario, ti prego!! Scherzi a parte, è vero che i guai non vengono mai da soli e la mia estate e il tuo principio d'autunno ne sono esempi, ma... non può piovere per sempre... e spero che per la tua famiglia arrivi prestissimo la serenità che meriti!

    RispondiElimina