Tutte le mie xxx

mercoledì 22 aprile 2015

Una moglie a Parigi

Il tempo passa, avrei molte cose da scrivere, ricette, ricami, sferruzzamenti ed una lista infinita di libri.

La primavera mi  ha portato molta energia , mi trovo a fare moltissime cose,  che però non riesco a mettere per iscritto con regolarità.
La primavera ha portato anche la voglia di passare più tempo all'aperto e complice un marito con tante cose da farsi perdonare mi sono creata un cantuccio tutto mio da godere prima e dopo cena.


Mio marito doveva farsi perdonare di aver tagliato mentre rasava il prato, due germogli del lampone ed anche i mughetti, io ho pensato di comperare un po' di fiori da mettere nel vaso di fianco al salottino; in comune accordo abbiamo preso anche una bouganvillea per il retro.


Insomma mi dispiace moltissimo per il lampone e per quel germoglio che curavo da due anni, ma alla fine qualcosa di buono ne è venuto.
Anche quest'anno avrò il mio angolo dove rifugiarmi quando vorrò un po' di tregua dai lavori domestici.
Oggi però vi racconterò di un libro finito qualche tempo fa.



Ottobre 1920. A Chicago, arriva dalla natia Oak Park un ragazzo di vent'anni alto e snello, con splendidi occhi castani, capelli nerissimi e una fossetta sulla guancia sinistra. A casa della famiglia Smith dov'è ospite, il ragazzo, che si chiama Ernest Hemingway, incanta gli astanti coi suoi racconti sulla Grande Guerra. Rapita più di tutti dall'aria spavalda e dallo sguardo scintillante del ragazzo è un'amica di Kate Smith: Hadley Richardson, una ventottenne che, dopo la morte dei genitori, vive con la severa sorella Fonnie e la sua famiglia a St. Louis. Una volta tornata a casa, riceve, meravigliosamente stropicciata, la lettera di Hemingway che esordisce con: "Penso sempre a Roma; ma che ne diresti di venirci con me... come mia moglie?". Senza soldi e alla ricerca di vita, felicità e successo, Hadley e il giovane Hemingway partono alla volta della vecchia Europa. Non si stabiliscono a Roma, ma a Parigi. Per Ernest è il periodo dell'elaborazione delle ferite interiori lasciate dalla guerra e della frequentazione dei salotti letterari. Quando, però, dopo un figlio, arrivano anche il denaro e la fama, nell'inquieto scrittore esplode il desiderio di una vita libera, accanto a nuove e stimolanti conoscenze come John Dos Passos e Scott e Zelda Fitzgerald. Una vita che Ernest finirà col non condividere più con la riservata Hadley. Così diversa da Pauline Pfeiffer, irresistibilmente chic con quella frangetta scura e un'esuberanza da ragazzino. 

Lo avrò detto un sacco di volte, ma adoro questo genere di romanzo, "Una moglie a Parigi" è la storia romanzata della prima moglie di Hemingway, famosissimo scrittore e premio Nobel che spero non abbia bisogno di presentazioni.
Ne ho letto una recensione negativa, ne copio il testo, giusto per farvi capire.

Come se il cinema non fosse bastato ad accumulare dettagli lacrimosi e scandalistici sulla vita di Ernest Hemingway, come se ancora le tante biografie già apparse non avessero setacciato a sufficienza i dettagli più scabrosi di quest'uomo che, tra l'altro, ha sempre raccontato di sé, compare ora una pesante storia biografica "inventata" del primo matrimonio tra lo scrittore, allora intento al lavoro di Festa mobile, con la neutra Hadley Richardson. Giovanissima, l'autrice la descrive come del tutto rapita dal fascino di un uomo già avanti nella carriera. Stupisce l'accumulo di nomi e di testi, da Stein a Pound, mescolati a un narrazione del tutto piatta e molto simile alla più corriva chick lit. Un fenomeno di pura paraletteratura che si nutre di vicende culturalmente significative solo a fini commerciali. Nessun divertimento, solo elenchi di incontri e tradimenti, un taglia e cuci vampiresco che andrebbe ignorato e non valorizzato come se fossimo davanti a un lavoro di critica letteraria.
Camilla Valletti  

Ecco cara Camilla mi viene da chiederti se hai letto il libro dici:"  l'autrice la descrive come del tutto rapita dal fascino di un uomo già avanti nella carrier", MA NO!
Il nocciolo del romanzo è proprio che Emingway allora non lo calcolava nessuno.
Boh a me è piaciuto, ovviamente trattasi di un romanzo e non di una biografia, ma il tono malinconico e nostalgico non appesantisce la narrazione.
E' facile per il lettore simpatizzare per la coppia anche se sappiamo già che la loro storia è destinata a finire.
Voi lo avete letto? come lo avete trovato?

8 commenti:

  1. Che bell'angolino e che belle piante!!!!! Con l'arrivo della primavera si ha voglia di vedere un pò di fiori! Grazie per questa recensione, il libro è molto interessante! A prestooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver lasciato il tuo saluto. A presto.

      Elimina
  2. Abbiamo molto in comune.... e questo mi fa piacere!!!
    Quindi auguriamoci una buona, serena e rilassante primavera......
    Ciao Nadia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonissima primavera anche a te Nadia.

      Elimina
  3. Come ti invidio il tuo bel giardino, e anche il tuo angolino pieno di pace! Mi segno il libro, sembra interessante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti, è proprio un angolo di pace.

      Elimina
  4. No, non l'ho letto ma me lo segno. Oggi, sempre edito da Neri Pozza, ho preso in prestito un libro di Ami McKaY, "La casa delle vergini". La trama sembra interessante, l'hai forse letto?

    Quante belle novità nel tuo giardino, molto carino anche il salottino personale! Peccato per il lampone, vivessimo vicine te ne darei qualche piantina, è talmente invadente che ne spuntano dappertutto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No purtroppo non l'ho letto, ma me lo segno da ordinare in biblioteca, mi piacciono molto i romanzi Neri Pozza.
      Mi dispiace non essere vicine avremmo sicuramente un sacco di cose da condividere. Per fortuna il lampone non l'ha rasato tutto ed ho ancora un bel cespuglietto, ma quei germogli erano bellissimi ed allargavano bene la pianta, sigh!

      Elimina